martedì 13 marzo 2012

poi ne parlerò

il titolo del post mi è venuto come risposta ad una cosa che mi è stata richiesta e che, sicuramente, scriverò, ma che ora deve restare in un cantuccio buona perchè ho urgenza di svuotare il mio stato d'animo.
Se Fox, una volta tanto, mi dicesse che vivrò una settimana da "Dio" e che, vista la precisione con cui mi coglie, io gli crederei. Anzi no, come dice lui, verificherei, cercando di fare quelle cose che al momento non mi riescono neanche se mi ci impegno.
Ammetto che l'ultimo periodo della mia vita avrebbe bisogno di una formattazione dalla memoria dell'hard disk e che avrei preferito seguire prima quei consigli che la vita, in altri tempi e in altri modi, mi aveva suggerito, ma ora mi sembra veramente di essere di fronte ad una mega slavina.
Ora io non ho le dimensioni di un mammut, né tanto meno i mammut, storicamente parlando, sono mai riusciti a sopravvivere alle slavine, però, caspiterina potrebbe pure accadere di alzarmi una mattina ed evitare di sentirsi il panico addosso.
Si il panico.
C'è gente che si fa venire gli infarti per sto problema che si chiama ansia e che associato a nervosismo da autosabotamento comporta una sorta di implosione nucleare e neuronale. Io, speriamo che me la cavo [cit.], purtroppo pur sperando, per l'appunto, non me la cavo mai. O, meglio, mai come si dovrebbe. Di solito me la cavo lasciando sul terreno tutta l'energia che ho, qualche pezzo di salute, che avrei fatto bene a tenermi stipato insieme alla felicità su di un mezzanino [cit.].
Oggi continuo nella sensazione di pazzia mista a pessimismo cosmico.
Speriamo migliori. Domani ascolto Fox, magari stavolta mi dice che vincerò al superenalotto e ci prende pure.

Nessun commento:

Posta un commento

Visualizzazioni totali